Cerca articoli...
Mini gallery
  • Hardware/ti994
  • Eventi/fvb2011
  • Eventi/brusaporto 2013
  • Hardware/ti994
  • Eventi/viretro2014
  • Eventi/brusaporto 2013
  • Eventi/brusaporto 2013
  • Eventi/brusaporto 2013
  • Eventi/brusaporto 2013
  • Hardware/ti994
Storico articoli
Mailing list
Nome
Email
Iscrizione
Cancellazione
YouTube Channel
Facebook
Review: FlashROM 99 Card... una Memoria SD nella cartuccia del TI99

REVIEW: FLASHROM 99 CARD... UNA MEMORIA SD NELLA CARTUCCIA DEL TI99

 Giovedì, 16 Giugno, 2016 00:00

In tanti speravano in una soluzione di questo tipo anche per il TI-99/4A e...

...Oggi è Realtà !

 INTRODUZIONE

La cartuccia FlashROM 99, è una cartuccia pensata per il TI-99/4A in grado di eseguire immagini cartucce ROM memorizzate su una scheda di memoria SD (Secure Digital).
La firma su questo progetto amatoriale (...e completamente OperSource) è stata messa da un 99er che vive in Germania: Ralph Benzinger.

Il primo computer di Ralph fu proprio il TI 99/4A (all'epoca aveva 10 anni). Quando non era impegnato a giocare a Parsec, cercava di imparare a programmare in TI-BASIC, e subito dopo in Extended BASIC e quindi Assembler. Aveva poi anche venduto il TI-99 per passare ad altri sistemi come l'Amiga 2000, ma siccome "il primo amore non si scorda mai" nel 2010 ha sentito il bisogno di entrare in possesso nuovamente del TI-99/4A. Oggi, Ralph, lavora come Software Engineer e passa la maggior parte del suo tempo libero con il TI-99 e sulla community AtariAge online.

La FlashROM 99 supporta immagini ROM solo fino a 32K. Non è compatibile con programmi che utilizzano GROMS o Inverted CRU-based. La cartuccia, di base, non richiede nessuna espansione per poter funzionare ed è compatibile sia con console PAL che NTSC.

FlashROM 99 è stata rilasciata come OpenSource sotto la licenza CERN OHL e GNU GPL. Entrambi i file di progettazione hardware e fonti firmware sono disponibili su GitHub dove è ospitata anche l'homepage del progetto.

Aprendo il package della Card si vede come sia tutto abbastanza essenziale: troviamo infatti una busta antistatica contenente la FR99, un tagliandino con le informazioni del sito e contatto del venditore, ed il materiale di riempimento. Le istruzioni le troverete tutte online sul sito ufficiale e non esiste un case per la scheda, ma la bella notizia è che sarà possibile adattare i contenitori delle cartucce standard del TI99 e a tal proposito ho già condiviso le etichette necessarie (vedi link Gallery in fondo all'articolo).

Poiché non mi fido delle mie capacità di saldatore, ho preferito ordinare la scheda già assemblata.
Ralph comunque preferisce vendere i Kit da assemblare, a meno che gli acquirenti non abbiano problemi di mancanza di esperienza o attrezzatura, o siano comunque in qualche modo impossibilitati all'assemblaggio.

LA SCHEDA

Come si può osservare dalla foto in alto non ci sono molti componenti, e basta davvero un minimo di esperienza e la giusta attrezzatura per poter assemblare con successo la scheda.

Nella foto a sinistra, sulla PCB, vediamo il tasto di "RESET" (in alto a destra) e subito di fianco il LED di attività che ci indicherà quando la scheda SD starà lavorando.

Per spiegarvi in parole semplici il funzionamento dei vari componenti posso dirvi che il Chip grande (ATmega 8515 microcontroller) avrà il compito di leggere la SD Card, creare il menu da visualizzare e da qui "spingere" l'immagine scelta nel chip SRAM. I 32K SRAM sono ospitati dal Chip di grandezza media (CY62256NLL-70PXC - il più grande della fila centrale) che conterrà quindi l'immagine .BIN scelta e che verrà poi elaborata. I 4 chip più piccoli infine, detti 'BANKS', si divideranno le informazioni caricate nella ROM indirizzandole nelle locazioni di memoria corrette.

Capovolgendo la scheda invece troviamo come unico componente lo slot SD, molto solido e stabile. Il tipo di inserimento ed il rilascio sono a scatto, quindi nei modelli come questo per poter poi togliere la SD sarà necessario prima spingerla verso l'interno per farla sbloccare dal meccanismo e quindi tirarla via.

  L ' UTILIZZO

Abituato al funzionamento della nanoPEB o della HxC SD mi aspettavo di trovare un utility proprietaria per poter trasferire i dati dal PC alla SD Card... e invece no! le cose sono in realtà più semplici: basta fare copia e incolla su una SD Card formattata in FAT16 o FAT32 (quest'ultima preferibile) . Questo mi fa molto piacere!

Una volta copiate le immagini nella SD ed inserita nello slot del TI99 con la FR99 all'accensione del computer comparirà la classica scelta menu e selezionando l'opzione 2 vedremo comparire la schermata principale con il menu contenente i titoli dei file .BIN inseriti nella SD. Tutto senza troppe complicazioni.

La FR99 gestisce fino a 172 file .BIN nella scheda SD e vi assicuro che sono tantissimi! Tra l'altro diciamo anche che i programmi che potete gestire con questa FlashCard oscillano tra gli 8Kb fino ad un massimo di 32Kb, non occupano quindi molto spazio e di conseguenza una memoria SD anche da solo 1GB non sarà sfruttata quasi per niente . Tirate fuori quindi tutte le vostre vecchie schede anche da 128Mb o 256Mb, finalmente avranno un nuovo utilizzo! Se invece proprio non ne avete a disposizione, allora andranno bene anche fino ad una capacità massima consigliata di 4Gb. Ho provato svariate marche di memorie SD/SDHC e di svariati tagli (SanDisk, KingStone, Samsung, Verbatim, Dane-Elec, Mustang, Sony, ed altre schede senza marca tipo bulk cinesi), ma non ho riscontrato alcun problema di compatibilità. Non consigliato l'uso di SDHX/SDXC.
  

Andiamo adesso ad approfondire la funzione di questi due componenti sulla scheda. Il Tasto Reset ed il LED.

Viene quasi automatico pensare al tasto RESET come un tasto che ci permetta di resettare il TI-99/4A, anche perché il nostro computer ne è nativamente sprovvisto e quindi per certi versi sarebbe comodo averlo aggiunto in qualche modo. Ma, mi dispiace deludervi, non è questa la sua funzione   vi spiego:

Quando si inserisce la scheda SD nella FR99, questa inizierà a leggerne il contenuto e quindi si vedrà il led accendersi; fino a quando il LED sarà acceso la scheda risulterà elettronicamente OFF-Line al TI-99, come se non fosse inserita. Si dovrà quindi attendere che il LED si spenga per utilizzarla (questione di qualche secondo). A quel punto quindi, come spiegato precedentemente, si potrà accedere al multi-menu per la scelta del programma che si desidera eseguire.

Nel momento in cui si vorrà successivamente cambiare programma si potrà spengere e riaccendere il TI-99 (usando il normale tasto di accensione) oppure usare la classica combinazione di tasti per ottenere il "QUIT" (tasti FCTN + "="). In entrambe i casi si tornerà alla schermata HOME del TI-99.

A questo punto, premendo un tasto qualsiasi, comparirebbe il menu con ancora il programma precedentemente caricato: si dovrà quindi, proprio su questa schermata,  premere prima il tasto "RESET" della FR99 in modo da permettere il ritorno al multi-menu di scelta generale. Quindi, come avrete capito, il tasto RESET lavora proprio sulle impostazioni della scheda e non sul TI-99. Se venisse premuto durante l'esecuzione di uno dei programmi, sarebbe come se togliessimo una cartuccia a computer acceso , senza però, rischiare di danneggiare nulla. Il sistema potrebbe bloccarsi e saremmo costretti a spengere e riaccendere fisicamente il TI-99/4A per tornare ad una situazione normale.

La sostituzione della scheda SD può avvenire anche a caldo (cioè senza spengere il TI-99/4A) ed anche in questo caso però, dopo l'avvenuta sostituzione servirà premere il pulsante "RESET" sulla FR99 in modo che possa re-inizializzarsi e quindi leggere il nuovo contenuto della scheda SD, in modo da ricostruire il riferimento del multi-menu da visualizzare. Sarebbe sempre preferibile fare questa operazione dalla schermata HOME.

La FR99 crea il multi-menu solo nel caso ci siano più di 8 file .BIN all'interno della SD, altrimenti ci visualizzerà le scelte direttamente sul menu standard della seconda schermata dopo quella HOME del TI99, come descritto nella figura sotto.

Dall'esempio sulla sinistra potete vedere il menu classico che compare se la FR99 troverà nella SD fino ad 8 file .BIN; potete scegliere le opzioni tramite il numero di riferimento, proprio come avverrebbe normalmente con il TI-99/4A.

Quando invece i contenuti aumentano, allora la FR99, in modo totalmente automatico, passerà alla gestione con multi-menu suddiviso per pagine. In questo caso con i numeri o con la barra spazio potremo scorrere le pagine, mentre con le lettere dell'alfabeto selezioneremo il programma da avviare.

COMPATIBILITA'  SOFTWARE

Come già è stato scritto all'inizio della recensione, la FR99 funziona con un TI-99/4A base senza ulteriori espansioni. Questa scheda non aggiunge nulla al computer e non possiede memoria aggiuntiva o altre emulazioni di drive floppy. Vuole essere proprio un emulatore di una "cartuccia/modulo SSS" ma usando la SD e non le EPROM.

Quindi tenendo presente questa cosa, si intuisce che i programmi DUMP di cartucce che originariamente non erano su GROM e che non richiedevano l'espansione da 32Kb aggiuntiva (come ad esempio i giochi Atari), continueranno a non richiederla, mentre quelli invece che ne necessitavano prima, continueranno ad averne bisogno (...come ad esempio i giochi programmati da Rasmus Moustgaard o altri giochi programmati homebrew). Discorso a parte invece per i programmi convertiti in formato cartuccia .BIN che erano stati originariamente programmati in assembler o compilati da altri linguaggi di programmazione, in questo caso i 32K saranno sempre necessari.

La FR99 rende semplice quello che prima non era. Per creare una cartuccia, avreste dovuto possedere tutto il necessario e le competenze per programmare EPROMS e saldare componenti su ogni PCB... invece ora senza tante complicazioni, proprio quegli stessi file .BIN, anziché registrarli su delle EPROM, potranno essere copiati nella vostra SD per essere utilizzati all'istante.

In generale quindi, possiamo affermare che la FR99 è compatibile con tutti i file DUMP delle cartucce ( .BIN ) che non siano però (proprio per limitazioni strutturali) file GROM (es. helloG.bin ), e con i cosiddetti file INVERTED CRU-based (che solitamente hanno nomifile che terminano con numero 3 o 9).
Mentre i file GROM non hanno alcuna possibilità per poter essere caricati (almeno per ora ), i file INVERTED possono essere convertiti con delle apposite utility e quindi utilizzati (ad esempio con questa utility in java creata da Rasmus Moustgaard oppure questo script python).

I file devono essere anche file unici, quindi un programma splittato in più parti (come ad esempio: helloC.bin , helloD.bin) dovrà essere concatenato in un file unico (per avere hello.bin ).
Di seguito le istruzioni necessarie per il concatenamento:

# Linux and Mac

$ cat hello?.bin > hello.bin 

                    
oppure

# Windows

c:> copy /b helloc.bin + /b hellod.bin hello.bin

CONFRONTO e CONSIDERAZIONI

Alcuni di voi, mi hanno chiesto se fosse meglio acquistare questa FR99 oppure la nanoPEB .
La risposta è: sarebbe meglio usarle insieme perché si completano !

La nanoPEB offre l'emulazione di un Box di Espansione completo, con i 32Kb aggiuntivi, 3 floppy drive virtuali e una seriale RS232, tutto gestibile con una memoria CF ...ma non può emulare le cartucce !

Dobbiamo considerarli due prodotti distinti che usati insieme offrono il meglio ma che, anche da soli, possono arricchire di funzionalità specifiche il TI-99/4A. Ognuna delle due periferiche ci mette in grado di fare cose che si adattano a diverse esigenze.

La cosa triste è che comunque la nanoPEB non è più in produzione ormai da qualche mese come ha ufficializzato il costruttore Custodio Malilong lasciando il suo sito ufficiale solo a scopo di supporto per i possessori delle schede già vendute. Comunque sembra che questo sito possa averne ancora disponibili.
Personalmente non la usavo molto ma poteva essere migliorata e rilanciata sul mercato... spero che questo potrà essere un altro articolo futuro .

CONCLUSIONI

Riflettiamo. Non c'è dubbio che questa scheda sia Rivoluzionaria per l'utilizzo con il TI-99/4A. La soluzione perfetta per tanti vecchi e nuovi utenti che cercano un modo immediato, semplice e veloce di iniziare ad usare il proprio computer:

-  non bisogna convertire programmi in formati proprietari;
-  non necessita la conoscenza di alcun comando;
- può essere usata da chiunque, basta un TI-99/4A in configurazione base per utilizzare alcuni bei giochi;
- decine e decine di giochi fruibili all'istante, in poco spazio e senza perdite di tempo;

Può permettere di giocare su un computer reale ad un costo davvero amichevole, €45,00 per la versione già assemblata e €25,00 per il kit(preferibile anche per il venditore).


Praticamente sarete in grado di utilizzare al 100% il TI-99/4A e pensare solo successivamente (se ne sentirete davvero il bisogno) di aggiungere delle espansioni. Comuque io vi consiglio vivamente di procurarvi una espansione da 32Kb in modo che possiate utilizzare tutto il parco software disponibile.

Ricordiamo anche che il tutto è parte di un progetto OpenSource e che potrebbe essere in futuro migliorato ed aggiornato da chiunque abbia voglia e competenze.

Giudizio finale... PROMOSSA A PIENI VOTI !

 

 

link utili

 

 


Vuoi commentare l'articolo?
 Nome
 Email
Il tuo commento
Codice
Verifica (riportare i numeri del campo codice)

I vostri commenti ...

fabrizio corpetti 2016-06-16 12:03:40 
bravo !!!!
Roberto 2016-10-05 00:41:54 
Complimenti per l'articolo innanzitutto. Poi anche molto bella questa scheda: penso che la prenderò. Ma si possono trovare anche gli involucri preparati?
Grazie e ciao.
Donazione

Per sostenere il nostro Club puoi effettuare una donazione.

... e riceverai un nostro Gadget inviandoci il tuo indirizzo!

Translate with Bing
News
Materiale TI99?

Vuoi aiutarmi preservare la storia del TI-99 ?

Se possiedi Materiale Italiano e non che riguarda il TI-99 e che vorresti condividere nella nostra Community... contattami e potermo inserirlo nel nostro Database Globale

Hot Links

TI-99 RELEATED

RETROCOMPUTING altro...

Copyright © 2013-2017 by TI99 I.U.C. - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
E' vietata la riproduzione integrale o parziale di contenuti o documenti previa autorizzazione.
Copyright   |    Privacy

Short Url: